Schettino, le verità nascoste

IMG_0350Si è demolito un uomo con la stessa cura con la quale si sta demolendo la nave: senza lasciare tracce, pezzo per pezzo. La Cassazione ha stabilito che l’unico colpevole é il comandante Francesco Schettino. E questo assolve a
lla perfezione le esigenze assicurative di una compagnia di navigazione senza nemmeno osar sfiorare il dibattito sulla sicurezza marittima e costruttiva della navi di quella dimensione. Molto comodo.

Le paratie stagne, stagne non furono. Ma le hanno demolite con la Concordia in fretta. Il timoniere non ha raccontato come andarono esattamente le cose ma è sparito o, come sostiene la difesa, non é più stato cercato. Le falle sulle procedure di sicurezza e di soccorso vengono coperte dal grido : Torni a bordo, cazzo..
La capitaneria non sorvegliava e forse non sorveglia correttamente le rotte delle navi visto che una nave di quasi 300 metri ha potuto scostarsi dalla rotta impostata per motivi turistici ma il comandante é il solo responsabile.
Schettino paga da solo, paga giustamente perché a un comandante non è concesso di mettere in pericolo la nave per motivi turistici, non é concesso di farsi prendere dal panico, non è concesso di evacuare la sala comando con passeggeri ancora a bordo. Non è concesso che venga considerata nel processo la sfera psicologica di un uomo distrutto dal mare e dalla adrenalina. No, il comandante non può perdere il controllo di sé stesso ma deve rimanere a bordo fino a che l’ultimo passeggero non è stato sbarcato in sicurezza. Anche se ormai non serve deve stare lì … fino all’evacuazione totale e possibilmente -a posteriori verrà forse aggiunto sui manuali di navigazione – finché l’ultimo fotografo non abbia tolto il cavalletto.
Nell’epoca dell’informazione multimediale, la  verità é la vittima più incredibile di questa assurda vicenda ed è quello che più di tutto le 32 vittime avrebbero meritato di ottenere.

4 Comments
  1. luigi guerra maggio 13, 2017
  2. luigi guerra maggio 13, 2017
  3. Emanuele maggio 13, 2017
  4. Roberto maggio 14, 2017

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *