Jihad contro il Santo Natale

210544309-3400b428-1c10-42f1-94be-38a1dae644a7

Attentato a Berlino, tir travolge la folla nel mercato di Natale: 12 morti, 48 feriti. A bordo erano in due: uno ucciso, l’altro arrestato. Foto La Repubblica.it

Sull’Eco si scrive a freddo. E’ un’Eco appunto: Arriva dopo, riflessiva e analitica di più dati. Senza troppa passione. Ma,  qualcosa, già il giorno dopo, ci sentiamo di dire perché, per chi ci legge da tempo, non è cosa nuova e perché i servizi segreti occidentali l’avevano detto.  L’avevano detto che sarebbero stati a rischio gli obiettivi simbolo delle feste natalizie e già si prevedeva una fine dell’anno drammatica. Speriamo naturalmente che sia finita qui, perché gli stessi jiadisti, che oggi sono in ritirata e stanno perdendo sul campo, hanno tanta voglia di dimostrare che sono ancora vivi colpendo all’interno delle nostre nazioni, i nostri valori, il nostro modo di vivere, la nostra civiltà, il nostro Natale. Il Natale europeo quello che portò i soldati francesi, tedeschi e britannici ad applaudire il tenore Walter Kirchhoff nella Tregua di Natale del dicembre 1914. Ma, al di là di romanticismi tutti continentali, il punto centrale è che siamo totalmente inadeguati a gestire una minaccia interna. Eppure c’è già chi si preoccupa più delle conseguenze elettorali. Se, cioè, l’estrema destra possa rilanciarsi mettendo in difficoltà la Merkel che stava facendo passi enormi di apertura nei confronti dei migranti.

Finché certa sinistra, italiana e tedesca si preoccuperà più dei risvolti politici sul consenso elettorale anziché di fornire risposte serie, non potrà competere con la lucida follia delle destre che bene o male, follia o meno -non ne siamo poi più tanto sicuri- una risposta la danno.

Occorre perciò, secondo noi, uno sforzo politico, epocale, decisivo sul tema dell’integrazione, vera o presunta, di tutta l’Europa. Nel frattempo che ci interroghiamo sull’opportunità o meno di limitare i diritti civili degli immigrati, un altro TIR potrebbe entrare dentro qualche basilica a Roma.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *